"Un sogno e una visione che mi accompagna sin dall'infanzia".

Roberto Ceraudo

Felice è colui che fa felici gli altri: è questa la frase che, dal muro dell’edificio principale, accoglie con benevolenza chiunque varchi la soglia di Contrada Dattilo. In quelle poche parole è racchiuso il senso di tutto quello che io e la mia famiglia abbiamo fatto da quando, nel lontano 1973, decisi di rischiare investendo tutte le mie risorse in un sogno: acquistai una tenuta agricola e decisi di piantare la mia vita nella terra.

Image alt

La cosa più importante la scoprii nel giro di poco tempo: la Natura non la si può governare, la si può soltanto assecondare. Ma per riuscire ad assecondarla bisogna conoscerla, profondamente. E si può arrivare a conoscerla soltanto amandola. Fu infatti un infinito amore per la terra e per tutti gli esseri viventi che la abitano a fare di noi, già negli anni ottanta, dei pionieri dell’agricoltra biologica, fino a ottenere, nel 1991, la certificazione ICEA.

Ora che, dopo aver superato difficili sfide, siamo una fertile e felice azienda agrituristica biologica che, oltre al miglior olio di Calabria, produce 9 qualità di vino per un totale di 70 mila bottiglie all’anno, la mia più grande gioia è osservare il frutto del nostro duro lavoro: la terra che coltiviamo è tornata ad essere un microcosmo perfettamente funzionante sul cui equilibrio si regge una produzione di cibo di alta qualità e sostenibile nel lungo periodo.

Image alt
Image alt

La storia continua

I frutti più belli di tutto questo sudore e di tutto questo amore sono i miei tre figli, che lavorano tutti assieme a me: Giuseppe, che si occupa di coltivazione e produzione. Susy, laureata in economia aziendale, che si occupa di amministrazione e commercializzazione. Caterina, che, dopo aver completato un percorso formativo come enologa, ha intrapeso la strada della cucina e dirige ormai da più di quattro anni lo stellato Ristorante Dattilo.

Roberto Ceraudo

Caterina Ceraudo

Giuseppe Ceraudo

Susy Ceraudo

Image alt